martedì 23 gennaio 2018

Gli strumenti per fare il video, 2


Nell'articolo precedente, si è raccontato come i bambini possono facilmente fare in prima persona della buone riprese video. Le semplici regole da seguire sono, in sintesi:
  • tenere sempre ben ferma la videocamera, anche quando la si muove
  • fare riprese brevi, e alla fine di ogni "frase", staccare
  • prima di ricominciare, cambiare il punto di vista.
In questo modo, il girato avrà facilmente un suo aspetto dignitoso anche senza montaggio (che però in ogni caso, per un prodotto finale presentabile, ci vuole).

Poi si è accennato al fatto che alcuni strumenti abitualmente usati per le riprese video, in particolare le macchine fotografiche, presentano problemi nella cattura del sonoro. Ma in generale è l'ambiente scolastico in sé – cioè il luogo più naturale dove i bambini possono girare i loro film – ad essere rumoroso (i corridoi), rimbombante (le palestre) e anche nell'aula momentaneamente più silenziosa (l'attenzione all'attività può fare miracoli) ci sarà sempre qualcuno che non sta fermo nel banco e i rumori delle sedie sul pavimento sono micidiali.
Purtroppo solo le videocamere di un certo livello e le fotocamere reflex hanno l'attacco per le cuffie audio, così come per un microfono esterno direzionale che – ne esistono di buoni a prezzi non proibitivi – può migliorare drasticamente la qualità del parlato. Dal punto di vista dei bambini poi, per cui la "rappresentazione" come un gioco di quello che stanno conta come e più dell'azione stessa di fare il video, mettersi le cuffie e stare attenti al sonoro è altrettanto importante che osservare le inquadrature dentro il display, così come potrebbe esserlo – ma in questo caso si va oltre una pur buona dotazione amatoriale – il tenere a mano un microfono professionalmente appeso a una "giraffa". Quest'ultima operazione si può simulare evitando di agganciare il microfono esterno all'apposita staffa sulla macchina da ripresa e dandolo in mano a un bambino, che lo deve poi puntarlo in accordo con la direzione dell'obiettivo. Dal punto di vista della motivazione e del "gioco", è certo molto più coinvolgente e appagante che fare le riprese con un telefonino.

Tra gli accessori, sottovalutato da molti, il treppiede con una testa video fluida e apposita manopola da usare per le panoramiche - può fare la differenza nei nostri video dall'invedibile al quasi professionale. Anche se le macchine di oggi sono spesso molto leggere, anche solo per sostenere un telefonino – per cui esistono pratici ed economici adattatori a molla - serve un aggeggio stabile, con i piedini ben piantati per terra che consenta movimenti esatti e armonici. Anche senza andare su prodotti di gamma medio-alta con testa intercambiabile, vale la pena davvero in questo caso di spendere qualche euro in più (non tanti, comunque), tenendo conto che un buon treppiede dopo dieci anni è praticamente ancora nuovo.

Il montaggio è la grammatica del video, che consente alle nostre produzioni di andare oltre le frasi sconnesse per comporre discorsi compiuti, con un loro senso. E non si fa con un telefonino!
Tagliare e incollare seriamente un video vedendolo in un monitor di 5 pollici o poco più è un'impresa impossibile, nonché uno strazio per gli occhi di chiunque e, anche se esiste software per smartphone e tablet, in certi casi decente, eventualmente utile per operazioni al volo o di emergenza, per fare un montaggio vero occorre un computer, possibilmente collegato a un monitor di grandi dimensioni, anzi meglio due, uno da cui si comanda il programma e l'altro per vedere il video a tutto schermo. Il tutto è molto più tranquillo di quanto non si creda, dato che si può utilizzare anche un comune televisore, collegato con un cavo HDMI.
Software di montaggio potenti e completi gratis – come per l'ufficio e la grafica sono Open e Libre Office o GIMP – a parte il buon vecchio iMovie di Apple (che non si può dire “migliorato” con gli anni!) non ce n'è. L'equivalente gratuito sul versante Microsoft, Movie Maker, non è più fornito insieme con Windows 10, si può comunque ancora scaricare, ma personalmente lo trovo piuttosto povero.
Ho provato poi diversi programmi indicati qui e là come “gratis” che, o non lo sono davvero, o offrono prestazioni decisamente limitate, o sono comunque poco utilizzabili dai non esperti. Senza per forza rivolgersi a software professionale, come Adobe Premiere, Vegas Pro (ex Sony), Magix Pro, o Final Cut sui Mac, ci sono però diverse applicazioni che costano qualche decina di euro e che permettono la realizzazione facile e intuitiva di montaggi di grande qualità, con tante piste audio e video, titoli, transizioni, elaborazioni di ogni tipo ed effetti speciali che solo pochi anni fa erano impensabili fuori dalle grandi case di produzione. Provandoli anche solo in alcune delle loro funzioni, anche i bambini facilmente ritrovano gran parte della cultura televisiva latente che proviene dalla loro comunque grande esperienza di telespettatori e possono toccare con mano cosa vuol dire essere “dall'altra parte”, quella dei produttori di informazione. Cosa che con software di puro taglia e incolla, oppure troppo “automatici”, non succede.
Si può scegliere tra programmi appositamente prodotti per il mercato amatoriale (Pinnacle Studio, Corel Video Studio), e versioni ridotte di programmi professionali (Premiere Elements, Magix Video Deluxe, Vegas Movie Studio), che più o meno si equivalgono, dipende anche dai gusti. Un caso a parte è Hit Film Express, un software dall'impostazione piuttosto professionale, gratuito nella versione di base, molto interessante, forse non del tutto intuitivo per i neofiti, ma a mio pare da provare senz'altro. Si può espandere inserendo a pagamento uno per uno una serie numerosa di moduli – ma per avere in mano già un buon programma bastano una ventina di euro - che tutti insieme fanno Hit Film Pro.
Altra finestra gratis sulle produzioni video professionali, soprattutto sulle operazioni che si possono effettuare sul colore (e ci si potrebbero inventare sopra unità didattiche entusiasmanti, che aprirebbero mondi di immaginazione e conoscenza ai ragazzi!), è Da Vinci Resolve, anche se personalmente l'ho provato meno di quello che avrei voluto, per problemi subentrati con al mio hardware datato.

3 commenti:

  1. Indicazioni molto utili. Un questi giorni mi sono cimentato nel montaggio video realizzando un primo cortometraggio con i bambini della scuola in cui lavoro. Come sostenitore di soluzioni libere e usando esclusivamente linux ho cercato programmi per il montaggio. La mia scelta è caduta su Kdenlive, di cui ho visto esistere una versione per windows e una per Mac. So anche, e mi è capitato di utilizzarlo in modo sporadico, dell'esistenza di OpenShot, che da poco ha una versione per ogni sistema operativo. Sono programmi che hai preso in considerazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paolo del commento.
      Ritrovo Kdenlive e Openshot nella lista che avevo compilato l'anno scorso, cercando eventuali software gratis per le scuole. So che avevo scaricato e provato di tutto, cose gratis o supposte tali, e avevo concluso che, per insegnanti alle prime armi o per bambini, avrei continuato a consigliare Pinnacle (anche se non ricordo tutti i ragionamenti relativi e ultimamente non sopporto più i “bin di progetto” automatici di Pinnacl Studio e quindi andrò a provare le versioni di prova di Vegas Deluxe!)
      Kdenlive lo avevo usato anni fa su Linux e non mi aveva entusiasmato. Dalle schermate sembra migliorato, ma il supporto a Windows e soprattutto a Mac sembra un po' oltre quello che per esempio un docente medio è di solito in grado di sostenere.
      L'impressione è che nei software di montaggio appaia come esasperata una delle grandi contraddizioni del “digitale”, tra proposte che presuppongono un utente quasi professionista, che sa gestire con proprietà ogni tipo di impostazioni (per esempio, sa tutto dei codec!), e altre che si rivolgono a perfetti analfabeti: “Tranquillo, con la nostra app puoi fare tutto, tranne capire quello che fai!”
      Complimenti per il tuo primo cortometraggio a scuola! Se ti va di condividere, si sta iniziando a raccogliere opere video di bambini nel mondo. Seguiranno presto informazioni qui e nell'altro blog Bambini, Niños, Children.

      Elimina
  2. OpenShot l'ho trovato abbastanza somigliante a MovieMaker. Condivido la tua osservazione sul tipo di applicazioni che non hanno vie di mezzo. La filosofia che è tutto facile e si può ottenere con due click è un mito da sfatare. Condivideremo sicuramente il nostro lavoro, molto artigianale, devo sistemare un paio di cosette ancora e far firmare la liberatoria ai genitori.
    Ti faccio sapere quando è on-line

    RispondiElimina